2016_Producers Summa16
Eventi

SUMMA festeggia 20 anni

L’appuntamento enoico organizzato da Alois Lageder nella sua tenuta a Magrè (BZ), dedicato al meglio della produzione vinicola internazionale, torna domenica 9 aprile.

Summa, nel 2017, festeggia 20 anni di storia, 20 anni di vino e viticoltura sostenibile.

Scorcio dalla scorsa edizione di SUMMA

Anche quest’anno, Summa sarà l’occasione per entrare in contatto, e degustare i prodotti di ben 83 viticoltori d’eccellenza provenienti quest’anno da: Italia, Francia, Austria, Germania, Kazakhstan, Nuova Zelanda e USA. Inoltre, vero punto di forza di questa manifestazione, è la possibilità di partecipare a un ricco programma di degustazioni guidate e verticali esclusive, condotte dagli stessi vignaioli o da esperti del settore, seminari e visite della cantina, aperto a tutti i visitatori e diviso nelle tre lingue italiano, tedesco e inglese, a cui sarà possibile iscriversi esclusivamente in loco, presso il desk dedicato.

Qui l’elenco dei produttori.

Tutte le degustazioni dei vini presentati a Summa saranno accompagnate dai rinomati calici varietali del partner austriaco Riedel.

Non mancheranno neanche le proposte gastronomiche, infatti gli ospiti di Summa 2017 potranno deliziarsi con i prodotti forniti dai tanti partner della rassegna come: il catering Hannah&Elia e l’antico pastificio rosetano Verrigni che proporranno piatti caldi e freddi in gran parte preparati con ingredienti da coltivazione biologica. I visitatori potranno gustare prodotti tipici di affezionati partner regionali, come i formaggi di Karl Telfser feinkost & catering, il pane biologico del panificio Profanter, lo speck dell’Alto Adige della macelleria Schrott e ancora le amatissime frittelle di mele delle contadine di Magrè. Non mancheranno infine le pizze romane di D’Amici Food e la delicata trota di Trota Oro.

Per il programma completo di SUMMA e tutte le info cliccate QUI

 Ma, come nacque il termine SUMMA?

 (Alois Lageder)

 Devo premettere che, inizialmente, avevamo battezzato l’evento con il nome di “Vinal“, con l’intento di creare un collegamento tra Vinitaly e Alois Lageder. In seguito e per diversi anni, la manifestazione è stata chiamata “Quintett“, poiché eravamo partiti dall’idea di invitare alla nostra Tenuta cinque vignaioli da altrettante zone di produzione diverse. In realtà, nelle edizioni successive, questi cinque ospiti iniziali sono diventati sempre di più, così com’è aumentato costantemente il numero dei visitatori professionali e dei giornalisti provenienti da tutto il mondo, a riprova della crescita e del carisma di cui gode quest’evento…

 …Nel 2004 pensammo che fosse giunto il momento di trovare un nome nuovo per la nostra manifestazione, e come sovente accade, fu un caso fortuito a suggerircelo: una sera, mia moglie Veronika ed io, entrambi appassionati di musica contemporanea, eravamo immersi nelle note del compositore estone Arvo Pärt e stavamo rimuginando proprio sul nuovo nome da dare all’evento. Quando lei, per combinazione, consultò la custodia del CD per leggere il titolo del brano che stavamo ascoltando, trovò scritto “Summa for Strings“. Ci guardammo negli occhi e fu chiaro ad entrambi che avevamo finalmente trovato il nome giusto.

 Il termine “SUMMA” deriva dal latino e significa “somma“ o “totalità“. Lo si può interpretare in due accezioni diverse: da un lato in senso enciclopedico, ossia come qualcosa che abbraccia tutto lo scibile e l’esistente, ma dall’altra anche nel senso di coglierne e sintetizzarne gli aspetti essenziali. Personalmente propendo per la seconda, quindi per il significato di “essenza“, e proprio questo mi ha convinto a scegliere quel termine. Il nostro obiettivo comune, infatti, è di far incontrare i vignaioli migliori puntando alla varietà, ma anche all’essenzialità, facendo emergere in questo modo le sfaccettature più salienti e le eccellenze della produzione vinicola europea.

 

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply